27. Mag 2021

Benessere durante la primavera e l’estate

L’arrivo della primavera ravviva gli animi, dà una nuova carica e fa sì che sprizziamo energia da tutti i pori. Molti ne approfittano per perdere qualche chilo di troppo e rimettersi in forma in vista della prova costume, ma oltre ai cuscinetti di grasso ci pensano anche i pollini a rovinare l’atmosfera primaverile. Proponiamo di seguito alcuni consigli su come vivere in totale relax i mesi estivi.

Con l’aumento delle temperature ci si veste più leggeri e ciò non permette di nascondere pù così bene i chili presi durante l’inverno. La chiave per riuscire a perdere peso e tonificare il corpo sta nel praticare sport: jare jogging, nuotare o andare in bicicletta aiuta a smaltire i chili di troppo, rafforza l’intero organismo, favorisce la digestione e aumenta le difese immunitarie.

Lo sport come mezzo per raggiungere il peso ideale

In primavera e in estate si può sostituire il tapis roulant della palestra con un po’ di joggin all’aria aperta. Bisogna inoltre cercare di strutturare la quotidianità cercando di tenersi attivi facendo per esempio lunghe passeggiate con il cane, andando in bicicletta oppure scegliendo una vacanza attiva. Per rafforzare i muscoli e migliorare la coordinazione sono indicati sport come slacklinen, stand-up-paddling oppure crossfit.

Più la massa muscolare aumenta e più si consumano calorie. I muscoli, infatti, fanno aumentare il fabbisogno basale e il numero di calorie che i nostri organi hanno bisogno per svolgere le loro funzioni. Tuttavia, essi consumano energia anche quando il fisico è a riposo.

Quando, come e cosa mangiare?

Le riviste propongono spesso cure dimagranti lampo che promettono miracoli, ma che spesso provocano il famoso effetto yo-yo: inizialmente si perde qualche chilo ma, dopo due settimane dalla fine della dieta, si pesa persino più di prima. Gli studi hanno dimostrato che l’unico metodo efficace per perdere peso è rappresentato dal digiuno, in modo particolare quello intermittente 16/8, che prevede di digiunare per 16 ore al giorno e di consumare i pasti nelle 8 ore restanti. Ciò permette di tenere sotto controllo il livello di insulina, in quanto mangiare nell’arco della giornata provoca costantemente picchi glicemici, facendo aumentare anche il rischio di sviluppare il diabete mellito o altre malattie. Un periodo di digiuno di 16 ore permette inoltre alle cellule del nostro corpo di rigenerarsi completamente. Si tenga presente che per i periodi di digiuno più lunghi è necessario consultare il proprio medico.

Nei mesi più caldi subentra anche il vantaggio di poter mangiare frutta e verdura di stagione. È importante aumentare il consumo giornagliero di frutti rossi, insalata fresca di campo e preferire soprattutto prodotti integrali e i cereali come la quinoa, il bulgur o il couscous, ad alto contenuto di fibre e proteine. I pesci oleosi come il tonno, lo sgombro e le sarde sono ricchi di omega 3, indispensabili per l’organismo. Anche gli oli a base di colza, lino, noci e alghe sono delle vere e proprie bombe di omega 3! Ecco due idee di ricette sane e gustose: bistecca di tonno servita su un letto di rucola e pomodorini con pinoli e insalata di quinoa con una varietà di verdure, erbe aromatiche e un dressing a base di olio di semi di lino per i vegetariani.

Acqua fredda

  • È meglio evitare le bevande analcoliche e gli smoothies troppo dolci e munirsi piuttosto di una borraccia di acqua. Quando fa molto caldo si raccomanda di bere almeno 2,5 litri di acqua al giorno: un adulto medio è composto per il 70% di acqua e tutti i giorni perdiamo 2,5 litri di acqua tramite la pelle. Bevendo si riescono a reintegrare 1,5-2 litri, mentre il resto è contenuto in cibi solidi. In linea generale, si raccomanda di bere sufficienti quantità di acqua e di aumentarne l’apporto qualora si faccia anche attività fisica. In questo caso non serve essere troppo rigidi e contare esattamente i litri di acqua assunti, ma neanche esagerare. L’importante è non bere solo quando si ha molta sete, segno che il nostro organismo è già carente di liquidi.

La primavera e l’estate portano con sé anche starnuti, prurito, bruciore agli occhi e altri sintomi fastidiosi che colpiscono i soggetti allergici soprattutto nella stagione dei pollini. Azioni quotidiane come il salire le scale oppure i lavori domestici possono diventare faticose quanto una maratona. Le allergie si manifestano quando le mucose sono danneggiate: le sostanze che penetrano nel nostro corpo attraverso l’aria mandano in tilt le difese immunitarie, che le identificano come allergeni, di conseguenza il sistema immunitario inizia a produrre anticorpi e si manifestano i primi disturbi.

Per evitare che i pollini entrino in casa esistono delle reti apposite, inoltre non bisognerebbe appendere in camera i vestiti indossati per uscire e sarebbe meglio lavarsi i capelli alla sera. Si raccomanda inoltre di aumentare le difese immunitarie partendo proprio dal punto che ospita la maggior parte delle cellule immunitarie, ovvero l’intestino. Esistono probiotici appositamente svuluppati che rappresentano una valida alternativa per contrastare la stanchezza provocata dagli antistaminici pescritti. Infine, l’anno dopo si consiglia di iniziare questo tipo di terapia a base di probiotici già dal primo di gennaio: un intestino forte rappresenta la miglior difesa contro le allergie.

 
Resta sempre informato!
Consulta il nostro
blog OMNi-BiOTiC®

Leggi articoli interessanti sull’intestino e ricevi consigli utili per favorirne il benessere!

Disturbi e consigli
Sindrome dell’intestino irritabile e il suo impatto sulla qualità della vita
Consigli di viaggio, Disturbi e consigli
Vacanze in totale spensieratezza
Salute al femminile, Scoperte scientifiche
Microbiota e menopausa
Disturbi e consigli, Salute al femminile
Secchezza vaginale
Disturbi e consigli, Salute al femminile
Come affrontare al meglio il periodo estivo
Disturbi e consigli
Gonfiore addominale: cosa aiuta davvero?
Disturbi e consigli
9 consigli utili per la forma ideale
Alimentazione e ricette, Disturbi e consigli
In che modo i batteri intestinali influenzano il peso?