13. Giu 2022

Coliche dei primi tre mesi

l 30 % dei neonati è colpito, durante i primi tre mesi di vita, da dolorose coliche che mettono a dura prova non solo il bambino, ma anche i genitori. Come si manifesta questo disturbo della regolazione? Come facciamo a distinguere questi attacchi dai normali capricci? Soprattutto, cosa possiamo fare per aiutare il neonato? Infine, scopri di più sui  risultati dello studio effettuato sull’effetto di uno speciale probiotico multispecie sul disturbo della regolazione.

In medicina, le coliche dei primi 3 mesi vengono definite come un disturbo della regolazione. Solitamente iniziano intorno alla seconda settimana di vita, raggiungono l’apice intorno alla sesta settimana e si attenuano verso la fine del terzo mese di vita del bambino. In alcuni casi, tuttavia, possono perdurare per i primi sei mesi.

Come si riconoscono i disturbi della regolazione?

I disturbi della regolazione sono caratterizzati nei neonati da un aumento degli episodi di pianto. Non è raro che queste fasi di pianto durino più di 30 minuti, senza pause e possano superare le 3 ore al giorno. Tuttavia, questo varia molto da bambino a bambino. In generale, i bambini sono molto irrequieti e difficilmente si calmano, se non in parte. Mentre in passato si pensava che il mal di pancia fosse l’unica causa del gonfiore del pancino dei bambini, in realtà l’aria nel pancino è spesso una conseguenza, ma non la causa del pianto. Questo è anche il motivo per cui oggi i medici parlano di disturbi della regolazione e non più di coliche dei primi 3 mesi.

 

Perché i bambini soffrono spesso di meteorismo?

Durante la digestione i batteri che vivono nell’intestino producono gas. Tra questi il metano, l’anidride carbonica, l’idrogeno, l’azoto e l’ossigeno. In piccole quantità questi gas non sono assolutamente pericolosi per l’uomo. Nel caso peggiore vengono espulsi e l’equilibrio del tratto gastro-intestinale viene così ripristinato. Nei bambini questo procedimento è più complesso. L’intestino del neonato non è ancora del tutto sviluppato e si deve adattare ad ogni cambiamento. La digestione avviene inizialmente attraverso il cordone ombelicale, poi entra in gioco il latte materno, successivamente arrivano le pappe e infine il cibo solido. Questi passaggi possono sopraffare i batteri intestinali nell’intestino e causare la produzione di più gas rispetto al normale. La formazione di gas dà origine a sintomi tipici come brontolio, pizzicore e rumori vari. Nei primi tre o cinque mesi di vita, il meteorismo dovuto al fatto che l’apparato gastro-intestinale non è del tutto sviluppato è un disturbo frequente.

Cosa può aiutare contro i disturbi della regolazione?

Durante le coliche dei primi tre mesi sembra che niente e nessuno possa calmare il bambino. Parole dolci, coccole e tenerlo in braccio aiutano solo per breve tempo. Generalmente è sempre meglio rivolgersi ad un medico per capirne le cause. Inoltre, una routine quotidiana molto regolare è molto importante come anche l’atmosfera in cui si allatta il neonato. Fate in modo di allattare il bambino in un ambiente rilassato, in quanto una respirazione irregolare mentre beve il latte, può portare il bambino ad ingerire dell’aria.

Cambiare la posizione in cui si allatta o il semplice contattato fisico possono anche portare dei benefici. Anche un massaggino sulla pancia può calmare il bambino. Inoltre, sostanze vegetali che riducono la flatulenza, come il finocchio, l’anice o il cumino possono anche essere d’aiuto. Il tè al finocchio, ad esempio, si dice che abbia un ottimo effetto contro la flatulenza.

Infine , l’intestino del bambino può essere supportato con speciali batteri probiotici, molto efficaci. Uno studio, in cui i neonati hanno assunto un probiotico nei primi 4 mesi di vita, ha dimostrato che la durata del pianto nei neonati è diminuita in modo significativo. Dei bambini che hanno preso parte allo studio, solo il 4,9 % presentava episodi di pianto eccessivo (disturbi della regolazione), mentre solitamente circa un bambino su tre soffre di questo disturbo. Anche i bambini più inclini ai disturbi della regolazione per predisposizione familiare non sono stati colpiti più frequentemente da pianto eccessivo o da coliche (Hofmann, 2018). Inoltre, se la mamma evita di mangiare alimenti che le possono causare problemi di digestione, potrà contribuire a diminuire il meteorismo nel bambino. Infatti, se la mamma allatta e lei stessa soffre di meteorismo e ad esempio consuma prodotti caseari o contenenti lievito, è molto probabile che anche il neonato soffra dello stesso disturbo. Alimentiamoci secondo il motto: se sto bene io, sta bene anche il mio bambino!

Fonte:

Hofmann, H., (2018). Das Mikrobiom bei Verdauungsbeschwerden in der Schwangerschaft und Säuglingskoliken. Speculum – Zeitschrift für Gynäkologie und Geburtshilfe 2018; 36 (4) (Ausgabe für Österreich), 23-24


 

La papaia aiuta in caso di problemi di digestione

Un dolce aiuto dalla natura

La papaia, un frutto fantastico

Il frutto tropicale per eccellenza è ricco di vitamine, minerali e oligoelementi. Inoltre, contiene l’enzima papaina che agisce come la pepsina. La pepsina è un enzima che svolge un importante ruolo nei processi digestivi. Infine, la papaia, grazie alla sua bassa acidità, viene tollerata molto bene dall’organismo.


Christina Weissbacher - Influencerin & frisch gebackene Mama“Il probiotico multispecie OMNi-BiOTiC® è stato il mio must durante la gravidanza e dopo la nascita di mia figlia è diventato il suo fedele alleato quotidiano” Christina Weissbacher, Influencer & neomamma

 
Resta sempre informato!
Consulta il nostro
blog OMNi-BiOTiC®

Leggi articoli interessanti sull’intestino e ricevi consigli utili per favorirne il benessere!

Disturbi e consigli
Sindrome dell’intestino irritabile e il suo impatto sulla qualità della vita
Disturbi e consigli, Scoperte scientifiche
Akkermansia muciniphila: un batterio sottovalutato
Salute al femminile
Vaginosi batterica o micosi vaginale?
Mamma e bambino
Dermatite atopica nei bambini
Consigli di viaggio, Disturbi e consigli
Vacanze in totale spensieratezza
Salute al femminile, Scoperte scientifiche
Microbiota e menopausa
Disturbi e consigli, Salute al femminile
Secchezza vaginale
Disturbi e consigli, Salute al femminile
Come affrontare al meglio il periodo estivo