L'Institut AllergoSan di Graz segna la svolta del futuro della medicina probiotica

Azienda all'avanguardia nel settore della ricerca sul microbiota

L'intestino e i miliardi di batteri che lo popolano sono al centro del nostro interesse medico-scientifico. Grazie all'intensa attività di ricerca, diventa sempre più evidente il ruolo centrale dei batteri intestinali non solo per la salute dell'uomo, bensì anche nei confronti dell'insorgere di malattie e del loro trattamento. L'Institut AllergoSan contribuisce in modo decisivo da oltre venticinque anni a segnare la svolta della medicina del ventunesimo secolo. Al centro della ricerca vi sono i batteri naturalmente presenti nel corpo umano.

Numerose scoperte cliniche corroborano l'importante successo terapeutico di questi batteri probiotici in presenza di diverse patologie, dalla diarrea associata agli antibiotici e stati depressivi fino alla vaginosi batterica recidiva.

La qualità è il nostro DNA

L'Institut AllergoSan è impegnato dal 1991 nel campo della ricerca e della terapia probiotica, non a caso il marchio di famiglia OMNi-BiOTiC®1 è il numero uno nel mercato dei probiotici. La Dott.ssa Anita Frauwallner, fondatrice e direttrice dell'Institut Allergosan spiega: "Una ricerca scientifica basata su studi di alto livello costituiscono il punto di partenza per i nostri probiotici. Selezioniamo appositamente i vari ceppi batterici naturalmente presenti nel corpo umano in modo tale che riescano a colonizzare l'intestino e a riprodursi. Questo viene naturalmente corroborato da diversi studi condotti da cliniche rinomate."

La rigorosa selezione dei ceppi batterici umani è stata rappresentata in modo particolarmente significativo in uno studio2 dell'ospedale AKH di Vienna: sono stati isolati dall'intestino e dalla vagina di donne in salute i germi responsabili della corretta colonizzazione vaginale. I più forti tra loro vengono selezionati nel corso di procedure lunghe e complesse al fine di trattare donne colpite da malattie quali infezioni recidive alle vie urinarie, vaginosi batterica oppure infezioni fungine attraverso l'introduzione nell'organismo di batteri probiotici, i quali vanno ad agire sulle cause insediandosi stabilmente nell'intestino. "L'Institut AllergoSan sfrutta il sapere acquisito nei decenni per la ricerca in modo da identificare i ceppi batterici appositi per trattare diverse problematiche legate alla salute. Questi ultimi si ritrovano nei prodotti OMNi-BiOTiC® e grazie ai loro effetti positivi fanno sì che i clienti diventino veri e propri fan fedeli al marchio", spiega la Dott.ssa Frauwallner.

Medici e farmacisti hanno instaurato un rapporto di fiducia verso questi probiotici grazie agli studi scientifici pubblicati su riviste scientifiche di alto livello, i quali comprovano la loro validità ed efficacia. È questo il caso della ricerca condotta sul trattamento della diarrea associata agli antibiotici apparso sul rinomato "American Journal of Gastroenterology" e dichiarato dall'OMS tra i 15 migliori studi sui probiotici a livello mondiale. Grande riconoscenza hanno avuto anche quelli realizzati sull'impiego dei probiotici in gravidanza, i quali contribuiscono a regolare il funzionamento del sistema immunitario e a ridurre notevolmente il rischio di allergie, asma e neurodermite nei bambini con familiarità. Questi risultati sono stati pubblicati sulla rinomata rivista scientifica "Allergy" con il nome di "studio PANDA". Anche sul "Journal Alimentary Pharmacology and Therapeutics" è apparso uno studio che ha riscosso particolare successo: in collaborazione con l'Università di Medicina di Graz è stato possibile dimostrare che un probiotico appositamente sviluppato è in grado di migliorare la funzionalità epatica persino nei pazienti con grave cirrosi epatica. Si tratta infatti di una possibilità terapeutica mai esistita prima e per di più senza effetti collaterali, i quali subentrerebbero nel caso di un trapianto di fegato, l'unica alternativa possibile a un trattamento a base di probiotici.

Investire continuamente nella ricerca 

Tra i successi più recenti della ricerca sono da annoverare due studi riguardanti l’utilizzo di uno speciale probiotico che inibisce i germi patogeni nella diarrea associata all’uso di antibiotici. Durante il primo studio, al quale hanno preso parte più di 200 pazienti, è stato dimostrato che il gruppo che ha assunto il probiotico ha riscontrato decisamente meno effetti collaterali durante la terapia antibiotica e non ha contratto alcuna infezione da Clostridium difficile, un batterio che può causare una pericolosa disbiosi intestinale. Nello specifico riportiamo i risultati riguardanti il più alto gruppo di rischio, comprendente pazienti sopra i 90 anni. Coloro che hanno assunto il probiotico non hanno avuto la diarrea, mentre il 45% del gruppo di partecipanti che non ha assunto il probiotico ha avuto scariche diarroiche. Questi ottimi risultati hanno anche avuto un impatto positivo sull’organizzazione dell’ospedale, in cui, grazie alla riduzione degli episodi di diarrea, è stato possibile sia ridurre le misure d’igiene che i costi del personale3.

Il secondo studio da menzionare, in cui sono stati riscontrati eccellenti risultati, riguarda un gruppo di pazienti col cancro, sottoposto contemporaneamente a chemioterapia e a terapia antibiotica. Nessun paziente, al quale è stato somministrato il probiotico, ha avuto la diarrea nonostante la chemioterapia insieme all’assunzione dell’antibiotico possano provocare diversi effetti collaterali. La qualità di vita dei pazienti è migliorata ed inoltre non solo sono stati riscontrati miglioramenti nei cicli terapeutici ma sono state anche rilevate meno interruzioni della chemioterapia4.

Anche in ambito ginecologico sono stati condotti degli studi che hanno mostrato risultati sorprendenti. Nello specifico ci riferiamo a un gruppo di donne che hanno riscontrato difficoltà a rimanere incinte e alle quali è stato somministrato uno speciale probiotico, contenente quattro ceppi di Lactobacillus. Durante questo studio è emerso in primo luogo che l’assunzione del probiotico ha un effetto protettivo contro la colonizzazione del batterio Ureaplasma parvum nella mucosa vaginale. Esso, infatti, viene spesso associato a sterilità, malattie perinatali e natimortalità. In secondo luogo, l’assunzione del probiotico, non solo contribuisce a mantenere sano il microbioma vaginale, ma rappresenta anche una possibile alternativa al trattamento delle donne che hanno difficoltà a concepire un figlio5.

Sono proprio questi studi e altri 40 progetti di ricerca, ai quali partecipa l’Institut AllergoSan, che lo rendono il centro austriaco per la ricerca sul microbioma: “Il futuro appartiene alla medicina probiotica. Grazie alla nostra ricerca e allo sviluppo dei nostri prodotti siamo orgogliosi di poter fornire il nostro contributo”, conclude la Mag. Anita Frauwallner, esperta in salute dell’intestino (nonché dirigente dell'Institut AllergoSan).

1 IMS PharmaTrend® monatlich; individuelle Marktbasis aus OTC 3 — 03F1 Probiotische Produkte für den Verdauungstrakt und ausgewählten Wettbewerbern; MAT 07/2017; Umsatz

2 Domig, K. J. et al. Strategies for the evaluation and selection of potential vaginal probiotics from human sources: an exemplary study. Benef. Microbes 5, 263–272 (2014)

3 Gänzer et al. „Einsatz von Probiotika bei Antibiose-Prävention einer antibiotikaassoziierten Diarrhoe bei älteren Patienten“ Wiener klinisches Magazin, vol. 25, pp 12-19 (2022). 

4 Rabl et al. „Der positive Effekt eines Multispezies-Probiotikums bei chirurgischen Patienten mit Antibiose.” Chirurg. Allg. Kompakt, vol. 10, pp. 475-478 (2021).

5 M. Schenk, L. Grumet, J. Sternat, N. Reinschissler, and G. Weiss, “Effect of probiotics on vaginal Ureaplasma parvum in women suffering from unexplained infertility,” Reprod. Biomed. Online, Jun. 2021

Institut AllergoSan

Investimenti nella ricerca

L’Istituto Allergosan investe continuamente nei settori della ricerca e dello sviluppo di prodotti, offrendo ai propri clienti prodotti completamente naturali. A confermarne i benefici non sono solo i consumatori, bensì anche studi scientifici di alto livello. Ciò permette di sviluppare prodotti straordinari volti a favorire il benessere intestinale di ciascuno di noi.

Progetti di ricerca

Lista di studi relativi a diverse indicazioni mediche, nel corso dei quali sono stati impiegati e testati scientificamente i prodotti del marchio OMNi-BiOTiC®:

  • Kinderwunsch Institut Schenk – Dr. M. Schenk – Fertilizzazione in vitro
    M. Schenk et al., “Effect of probiotics on vaginal Ureaplasma parvum in women suffering from unexplained infertility”, ReProd BioMed Online, (2021)
  • Medizinische Universität Graz – Prof. E. Z. Reininghaus – Depressione
    E.Z. Reininghaus et al., “PROVIT: Supplementary Probiotic Treatment and Vitamin B7 in Depression—A Randomized Controlled Trial,” Nutrients, vol. 12 pp. 3422, (2020)
  • Medizinische Universität Graz – Prof. E. Z. Reininghaus – Depressione
    Reiter et al., “Interleukin-6 Gene Expression Changes after a 4-Week Intake of a Multispecies Probiotic in Major Depressive Disorder - Preliminary Results of the PROVIT Study,” Nutrients, vol. 12, pp. 2575, (2020)
  • Medizinische Universität Graz – Prof. M. Stradner – Artrite psoriasica
    A. Haidmayer, et al. “Effects of Probiotic Strains on Disease Activity and Enteric Permeability in Psoriatic Arthritis–A Pilot Open-Label Study.” Nutrients, vol. 12, pp. 2337 (2020)
  • Mid Sweden University – Dr. M. Jong – AAD nelle case di riposo
    H. A. Van Wietmarschen et al. “Probiotics use for antibiotic-associated diarrhea: A pragmatic participatory evaluation in nursing ho- mes,” BMC Gastroenterol., vol. 20, pp. 151 (2020)
  • Medizinische Universität Graz – Prof. R. Krause – Batteri multiresistenti
    I. Zollner-Schwetz et al. “Effect of a multispecies probiotic on intestinal and skin colonization by multidrug-resistant gram-negative bacteria in patients in a long-term care facility: A pilot study,” Nutrients, vol. 12, pp. 1586 (2020)
  • Review – Dr. V. Stiegelbauer – Qualità dei probiotici
    L. Grumet, et al. “The Development of High-Quality Multispecies Probiotic Formulations: From Bench to Market,” Nutrients, vol. 12, pp. 2453 (2020). Qualitätskriterie
  • Medizinische Universität Graz – Prof. V. Stadlbauer-Köllner – Epatologia
    A. Horvath et al. “Changes in the Intestinal Microbiome during a Multispecies Probiotic Intervention in Compensated Cirrhosis,” Nutri- ents, vol. 12, pp. 1874 (2020)
  • Medizinische Universität Graz – Prof. V. Stadlbauer-Köllner – Diabete di tipo 2
    Horvath et al. “Effects of a multispecies synbiotic on glucose metabolism, lipid marker, gut microbiome composition, gut permeability, and quality of life in diabesity: a randomized, double-blind, placebo-controlled pilot study.” Eur. J. Nutr., (2019).
  • Universität Graz – Prof. B. Schütz – Assorbimento di sostanze vitali nella post menopausa 
    Stiegelbauer et al. “Der Effekt eines Multispezies-Probiotikums auf die Mikronährstoffaufnahme, Hormonproduktion und Entzün- dungsreaktionen bei postmenopausalen Frauen ”, OM u Ernährung, vol. 168, pp. 63-67 (2019).
  • Medizinische Universität Graz – Prof. P. Holzer – Antibiotici e microbiota
    Jačan et al. “Synergistic and antagonistic interactions between antibiotics and synbiotics is modifying the murine fecal microbiome,” Eur. J. Nutr., pp. 1-14 (2019).
  • Europa Universität Viadrina Frankfurt – Dr. D. Lazik – Aumento delle prestazioni nello sport
    Lazik et al. “Der Effekt von Multispezies-Probiotika auf die intestinale Barrierefunktion, Entzündungsreaktionen und Leistungsfähig- keit bei Athleten – Eine retrospektive Studie bei Leistungssportlern einer Football Bundesliga-Mannschaft”, OM u Ernährung, vol.
    167, pp. 27- 34 (2019).
  • Medizinische Universität Graz – Prof. V. Stadlbauer-Köllner – Sepsi e microbiota
    Stadlbauer et al. “Dysbiosis in early sepsis can be modulated by a multispecies probiotic: a randomised controlled pilot trial,” Benef. Microbes, vol. 10, pp. 265 -278 (2019).
  • Medizinische Universität Graz – Prof. Singer – Morbo di Hirschprung
    Singer et al. “Hirschsprung’s Associated Enterocolitis (HAEC) Personalized Treatment with Probiotics Based on Gene Sequencing Ana- lysis of the Fecal Microbiome,” Case Rep. Pediatr., pp. 1-6 (2018).
  • Lud. Max. Universität München – Prof. A. Straube – Emicrania
    Straube et al. “Migräneprophylaxe mit einem Probiotikum.” MMW – Fortschritte der Medizin, vol. 160, pp. 16-21 (2018).
  • Medizinische Universität Graz – Prof. C. Högenauer – Sindrome dell'intestino irritabile
    Moser et al. “Effects of an oral synbiotic on the gastrointestinal immune system and microbiota in patients with diarrhea-predominant irritable bowel syndrome.” Eur. J. Nutr., pp. 1-12 (2018).
  • Medizinische Universität Graz – Prof. E. Reininghaus – Bipolarismo
    Reininghaus et al. “The Impact of Probiotic Supplements on Cognitive Parameters in Euthymic Individuals with Bipolar Disorder: A Pilot Study.” Neuropsychobiology, pp. 1-8 (2018).
  • Medzinische Universität Innsbruck – Prof. D. Fuchs – Malattie neurodegenerative
    Leblhuber et al. “Probiotic Supplementation in Patients with Alzheimer’s Dementia – An Explorative Intervention Study.” Curr. Alzheimer Res., vol. 15, pp. 1106-1113 (2018).
  • Warwick Medical School – Dr. P. McTernant – Diabete di tipo 2
    Sabico et al. “Effects of a 6-month multi-strain probiotics supplementation in endotoxemic, inflammatory and cardiometabolic status of T2DM patients: A randomized, double-blind, placebo-controlled trial.” Clin Nutr., vol. 38, pp. 1561-1569 (2018).
  • Universität Graz – Prof. V. Schöpf – Neuropsicologia / Neuroimaging
    Bagga et al. “Influence of 4-week multi-strain probiotic administration on resting-state functional connectivity in healthy volunteers.” Eur. J. Nutr., vol.58, pp. 1821-1827 (2018).
  • Pommersche Medizinische Universität Stettin – Dr. J. Suliburska – Epatologia
    Skrypnik et al. “Effect of probiotic supplementation on liver function and lipid status in rats.” Acta Sci. Pol. Technol. Aliment., vol. 17, pp. 185-192 (2018).
  • Medizinische Universität Posen – Dr. M. Szulinska – Sindrome metabolica
    Szulinska et al. “Dose-Dependent Effects of Multispecies Probiotic Supplementation on the Lipopolysaccharide (LPS) Level and Cardiometabolic Profile in Obese Postmenopausal Women: A 12-Week Randomized Clinical Trial.” Nutrients, vol. 10, pp. 773 (2018).
  • Universität Graz – Prof. V. Schöpf – Neuropsicologia / Neuroimaging
    Bagga et al. “Probiotics drive gut microbiome triggering emotional brain signatures.” Gut Microbes, vol. 9, pp. 1-11, (2018).
  • Universität Urbino – Dr. Baffone – Medicina di viaggio
    Campana et al., “Strain-specific probiotic properties of lactic acid bacteria against human intestinal pathogens invasion” Gut Pathog., vol. 9, pp. 12 (2017).
  • Warwick Medical School – Dr. P. McTernant – Diabete di tipo 2
    Sabico et al. “Effects of a multi-strain probiotic supplement for 12 weeks in circulating endotoxin levels and cardiometabolic profiles of medication naive T2DM patients: a randomized clinical trial.” J Transl Med., vol. 15, pp. 249 (2017).
  • AKH Wien – Prof. L. Petricevic – Ginecologia
    Marschalek et al. “Influence of Orally Administered Probiotic Lactobacillus Strains on Vaginal Microbiota in Women with Breast Cancer during Chemotherapy: A Randomized Placebo- Controlled Double-Blinded Pilot Study.” Breast Care, vol. 12, pp. 335-339 (2017).
  • Medizinische Universität Innsbruck – Prof. D. Fuchs – Malattie neurodegenerative
    Leblhuber et al. “On the role of intestinal microbiota in patients with cognitive decline.” J Pharm Pharmacol., vol. 5, pp. 648-653 (2017).
  • Medizinische Universität Innsbruck – Prof. D. Fuchs – Malattie neurodegenerative
    Leblhuber et al. “Die Bedeutung der Darm-Hirn-Achse bei Demenz.” Spectrum Psychiatrie vol. 3, pp. 38-41, (2017).
  • Universitätsklinikum Kiel – Prof. Schrezenmair – Ginecologia
    Laue et al. “Effect of Lactobacillus strains on bacterial vaginosis in women – a double-blind, randomised, controlled clinical pilot trial.” Benef. Microbes, vol. 9, pp. 35-50 (2017).
  • Medizinische Universität Graz – Prof. V. Stadlbauer-Köllner – Epatologia
    Horvath et al. “Randomised clinical trial: the effects of a multispecies probiotic vs. placebo on innate immune function, bacterial translocation and gut permeability in patients with cirrhosis.” Aliment. Pharmacol. Ther., vol. 44, pp. 926-935 (2016).
  • Medizinische Universität Innsbruck – Prof. B. Prüller-Strasser – Aumento delle prestazioni nello sport
    Strasser et al. “Probiotic Supplements Beneficially Affect Tryptophan-Kynurenine Metabolism and Reduce the Incidence of Upper Respiratory Tract Infections in Trained Athletes: A Randomized, Double-Blinded, Placebo-Controlled Trial.” Nutrients, vol. 8, pp. 752 (2016).
  • Universitätsklinikum Kiew – Prof. Anoshina – Infezioni da Herpes in gravidanza
    Anoshina et al. “Role of microbiota in pregnant women with herpesvirus infection.” Perinatologiya Pediatriya, vol. 4, pp. 22-25 (2016).
  • Dr. Müller – Diarrea del viaggiatore
    Müller H. “Probiotika zur Prophylaxe und Therapie der Reisediarrhö.” Flug u Reisemed., vol. 23(5) pp. 232-236 (2016).
  • Universität Leiden – Prof. L. Colzato – Depressione
    Steenbergen et al. “Randomized controlled trial to test the effect of multispecies probiotics on cognitive reactivity to sad mood.” Brain. Behav. Immun., vol. 48, pp. 258-64 (2015).
  • Universität Wageningen – Dr. de Roos – Emicrania
    de Roos et al. “The effects of the multispecies probiotic mixture on migraine: results of an open-label pilot study.” Benef. Microbes, vol. 6, pp. 641-646 (2015).
  • University College Roosevelt – Prof. G. Rijkers – Allergie
    Kim et al. “Probiotic supplementation influences faecal short chain fatty acids in infants at high risk for eczema.” Benef. Microbes, vol. 6, pp. 783-790 (2015).
  • Universität Innsbruck – Prof. Leblhuber – Demenza
    Leblhuber et al. “Elevated fecal calprotectin in patients with Alzheimer’s dementia indicates leaky gut.” J. Neural Transm., vol. 122, pp. 1319-1322 (2015).
  • LKH Feldbach – Doz. H. Hofmann – Pediatria
    Hofmann H “Probiotikum gegen Verdauungsbeschwerden in der Schwangerschaft und Säuglingskoliken.” Gynäkologie aktiv, vol. 5, pp. 8-9 (2015).
  • Universitätsklinik Utrecht – Prof. G. Rijkers – Ricerca sulle allergie
    Niers et al. “The effects of selected probiotic strains on the development of eczema (the PandA study).” Allergy, vol. 64, pp. 1349-58 (2009).
  • Universität Wageningen – Prof. B. Schütz – Obesità
    van Hemert et al. “Clinical studies evaluating effects of probiotics on parameters of intestinal barrier function.” Advances in Microbiology, vol. 3, pp. 212-221 (2013).
  • Universität Graz – Doz. M. Lamprecht – Impermeabilità intestinale e infiammazione nello sport
    Lamprecht et al. “Probiotic supplementation affects markers of intestinal barrier, oxidation, and inflammation in trained men; a randomized, double-blinded, placebo-controlled trial.” J Int Soc Sports Nutr., vol. 9, pp. 45 (2012).
  • Universität Graz – Doz. M. Lamprecht – Sport e scienza dell'alimentazione
    Lamprecht et al. “Exercise, intestinal barrier dysfunction and probiotic supplementation.” Med. Sport Sci., vol. 59, pp. 47-56 (2012).
  • AKH Wien – Prof. H. Kiss – Ginecologia
    Domig et al. “Strategies for the evaluation and selection of potential vaginal probiotics from human sources: an exemplary study.” Benef. Microbes, vol. 5, pp. 263-272 (2014).
  • Universität Linköping – Prof. Söderholm – Malattie infiammatorie croniche intestinali
    Persborn et al. “The effects of probiotics on barrier function and mucosal pouch microbiota during maintenance treatment for severe pouchitis in patients with ulcerative colitis.” Aliment. Pharmacol. Ther., vol. 38, pp. 772-783 (2013).
  • Universität Salzburg – Doz. M. Hell – CDAD
    Hell et al. “Probiotics in Clostridium difficile infection: reviewing the need for a multistrain probiotic.” Benef. Microbes, vol. 4, pp. 39-51 (2013).
  • Universitätsklinik Maastricht – Prof. R. Stockbrügger – Diarrea associata agli antibiotici
    Koning et al. “The effect of a multispecies probiotic on the intestinal microbiota and bowel movements in healthy volunteers taking the antibiotic amoxycillin.” Am. J. Gastroenterol., vol. 103, pp. 178-189 (2008).
  • Universitätsklinik Utrecht – Prof. G. Rijkers – Ricerca sulle allergie
    Niers et al. “Selection of probiotic bacteria for prevention of allergic diseases: immunomodulation of neonatal dendritic cells.” Clin. Exp. Immunol., vol. 149, pp. 344-352 (2007).
  • Universitätsklinik Utrecht – Prof. G. Rijkers – Ricerca sulle allergie
    Niers et al. Identification of strong interleukin-10 inducing lactic acid bacteria which down-regulate T helper type 2 cytokines. Clin. Exp. Allergy, vol. 35, 1481-1489 (2005).

Studi pubblicati e realizzati sui prodotti OMNi-BiOTiC®:

  • LKH Hochsteiermark (Prof. Rabl), Diarrea associata a chemioterapia
  • LKH Feldbach (Prim. Dr. Heine), Morbo di Parkinson
  • Bezirkskrankenhaus Schwaz (Prim. Dr. Gänzer), AAD in presenza di antibiosi e PPI
  • Clinica Universitaria di Rijeka (Dr. Golcic), Diarrea associata a chemioterapia
  • Università di Varsavia (Prof. Syajewska), AAD nei bambini
  • Studio multicentritico in Germania (Prof. Labenz), Colonscopia

Progetti di ricerca in corso sui prodtti OMNi-BiOTiC®:

  • Medizinische Universität Graz (Prof. Stadlbauer-Köllner), Diarrea e Covid-19
  • Medizinische Universität Graz (Prof. Stadlbauer-Köllner), Utilizzo dei probiotici nella sindrome post-Covid
  • Uniklinik Salzburg (Prof. Emmanuel), Carcinoma allo stomaco
  • UKE Hamburg (Dr. Sinn), Cancro colorettale
  • LMU München (Prof. Liesz), Ictus
  • Medizinische Universität Graz (Dr. Mörkl), Depressioni
  • Charité Berlin (Prof. Mechsner), Endometriosi
  • Medizinische Universität Graz (Prof. Augustin), Rischio di infezioni nei pazienti in rianimazione
  • Charité Berlin (Prof. Sehouli), Carcinoma ovarico
  • UKE Amburgo (Prof. Stürmer), Gestione delle ferite nel piede diabetico
  • Universitätsklinikum Minden (Dr. Sorleto), Pancreatite cronica
  • Medizinische Universität Graz (Prof. Stradner), Artrite reumatoide
  • Med Uni Wien und Innsbruck (Prof. Karwautz), Anoressia
  • Medizinische Universität Innsbruck (Dr. Kurz / Prof. Weiss), Fatica cronica
  • Kinderwunschzentrum Schenk (Dr. Krammer-Pojer / Dr. Schenk), Qualità spermatica
  • Privatordination (Dr. Gyaky), Gestione delle ferite
  • Medizinische Universität Graz (Dr. Kollmann), Fertilità maschile
  • Veterinärmedizinische Universität Wien (Prof. Burgener), Disturbi gastro-intestinali nei cani
  • Universität Maribor (Prof. Fijan), Infezioni alle vie respiratorie nei pazienti over 65
  • Universität Maribor (Prof. Fijan), Dermatite da pannolino
  • Medizinische Universität Graz (Prof. Schemmer), Trapianto di fegato
  • Medizinische Universität Graz (Prof. Obermayer-Pietsch), Sindrome dell'ovaio policistico o PCOS

Per ulteriori informazioni sugli attuali progetti di ricerca contattare l'Institut AllergoSan.

 

La qualità è il nostro DNA

OMNi-BiOTiC® & OMNi-LOGiC®

 

Scoperte scientifiche

Institut AllergoSan
Domande e risposte frequenti
Institut AllergoSan, Scoperte scientifiche
6 fatti sull’Institut AllergoSan
Institut AllergoSan
I batteri sono la mia vita – Intervista ad Anita Frauwallner
Institut AllergoSan
6 fatti su Omni-BiOTiC 6

Ricerca e sviluppo alla base del successo

Da oltre venticinque anni mi dedico alla ricerca sull'intestino. La salute intestinale deve essere possibile per chiunque.

Mag. Anita Frauwallner Esperta di intestino