Flora vaginale e rapporti sessuali: come sono correlati?

Il microbioma vaginale è costituito principalmente da lactobacilli, noti anche come batteri lattici. Ma come sono quindi correlati flora vaginale e rapporti sessuali? Durante il coito, i batteri vengono scambiati con il partner e si mescolano tra di loro. Ciò che poi accade nella flora vaginale dipende da come i batteri, già presenti in vagina, reagiscono al contatto con i “nuovi” batteri del partner.
flora vaginale_rapporti sessuali_fermenti lattici contro la cistite

La flora vaginale di ogni donna dispone di un proprio microbioma, il quale è costituito principalmente da lactobacilli, noti anche come batteri lattici. Il loro compito è quello di convertire lo zucchero presente nelle cellule vaginali in acido lattico, mantenendo così un ambiente acido all’interno della flora vaginale.

Cistite o micosi vaginale dopo i rapporti sessuali?

Durante il rapporto sessuale può succedere che vengano trasmessi agenti patogeni, che possono causare diverse infezioni, oppure che determinati fluidi corporei, come lo sperma, scambiati durante il coito, possano alterare il pH della vagina, poiché alcalini. Di conseguenza, il pH vaginale aumenta e non è più acido, alterando così l’equilibrio del microbioma vaginale. Normalmente, la flora vaginale può ripristinare autonomamente un ambiente acido dopo il rapporto sessuale e garantire quindi una protezione a lungo termine, tuttavia, in alcuni casi, potrebbero insorgere infezioni batteriche a livello intimo.

Che cos’è la cistite da luna di miele?

cistite da luna di miele_fermenti lattici

La maggior parte delle donne sa benissimo cosa significa avere la cistite dopo un rapporto sessuale. Infatti, quando parliamo di cistite da luna di miele, ci riferiamo ad un’infiammazione della vescica, insorta proprio dopo il coito. Viene quindi chiamata “cistite da luna di miele”, in quanto in passato molte donne sperimentavano il loro primo rapporto completo durante la prima notte di nozze e poco dopo emergevano i sintomi tipici della cistite, ovvero stimolo frequente di andare in bagno e bruciore durante la minzione.

Ancora oggi molte donne soffrono di questo disturbo, in quanto rapporti sessuali più frequenti, come durante luna di miele, mettono a dura prova le parti intime e aumentano il rischio di sviluppare infezioni all’apparato uro-genitale o di contrarre altre malattie. Solitamente, il fattore scatenante è da ricondurre ai batteri già presenti nell’organismo e nello specifico, ci riferiamo in questo caso ai batteri Escherichia coli.

Questi batteri possono passare dalla zona anale, alla zona vaginale attraverso il contatto con il partner durante i rapporti sessuali e una volta arrivati nella vagina, risalgono la vescica, irritano le sue pareti e danno così luogo ad un’infiammazione. In genere, avere un nuovo partner sessuale rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo della cistite. Questo accade perché i batteri presenti nel corpo della donna non sono ancora abituati ai nuovi microrganismi del partner e il sistema immunitario impiega del tempo per reagire a questi ultimi.

Come si può prevenire l’insorgere della cistite?

Esistono vari modi per prevenire la cistite. Ad esempio, è consigliabile andare in bagno subito dopo un rapporto sessuale, in modo che i batteri vengono espulsi tramite la minzione. È inoltre importante mantenere calda la zona dell’addome, in quanto il freddo inibisce le difese immunitarie e indebolisce i batteri. Anche una corretta igiene intima gioca un ruolo di rilievo, ma bisogna però fare attenzione all’igiene intima che altera il valore del pH. Infatti, è sufficiente lavare la zona intima una volta al giorno con acqua calda. Inoltre, non è consigliato alternare rapporti anali e rapporti vaginali, in quanto ciò consente ai batteri di passare dall’ano, alla vagina.

L’assunzione di probiotici invece può favorire l’equilibrio della flora vaginale, poiché esistono ceppi batterici, appositamente selezionati, che hanno un impatto positivo sulla flora vaginale. Nello specifico parliamo dei lactobacilli, che favoriscono la produzione di acido lattico nella vagina. L’acido lattico garantisce il mantenimento dell’ambiente acido e quindi la protezione della vagina. Esistono anche le cosiddette supposte vaginali che contengono acido lattico o batteri lattici, ma molte donne trovano sgradevole l’assunzione per via vaginale ed inoltre tale metodo limita i rapporti sessuali. La supposta vaginale provoca anche perdite più abbondanti, motivo per cui in questo lasso di tempo è opportuno indossare lo salvaslip. L’assunzione di probiotici per via orale, invece, è molto più semplice, comoda e igienica.

Come viene trattata la cistite?

fermenti lattici contro la cististe

Gli antibiotici sono solitamente utilizzati per trattare la cistite non complicata. L’antibiotico fa sì che i sintomi si attenuino rapidamente e che gli agenti patogeni scompaiano completamente dall’organismo. Questo farmaco però non solo combatte gli agenti patogeni, che sono la causa della cistite, ma anche i batteri benefici, importantissimi per il nostro organismo. Oltre agli antibiotici, vengono spesso prescritti antidolorifici e antispastici, che possono avere un effetto negativo sul microbiota. Durante l’assunzione di antibiotici è consigliabile sostenere la flora intestinale e vaginale con probiotici, per reintegrare i ceppi batterici importanti per il nostro benessere.

Quali sono le cause dell’insorgere della cistite ricorrente?

Una volta che l’infezione alla vescica è finalmente scomparsa, ecco che torna di nuovo. Circa una donna su quattro soffre di cistite rincorrente e i ricercatori ne hanno scoperto la ragione: gli esperimenti condotti sui topi hanno dimostrato che due tipi di batteri sono responsabili per questo tipo di infiammazioni: l’Escherichia coli e la Gardnerella vaginalis. I primi, situati nell’intestino, entrano nel tratto urinario attraverso la flora vaginale e si insediano sulle pareti della vescica, dove sono a riparo dagli attacchi degli antibiotici e sono difficilmente individuabili dal nostro sistema immunitario. Inoltre, se a tali batteri si aggiunge la Gardnerella vaginalis, gli E. coli si riattivano e riprendono la loro attività. Infine, è stato scientificamente dimostrato che alcuni batteri scatenano l’infiammazione, ma al momento dell’insorgenza dei sintomi, non sono più presenti nell’organismo.

Indice

OMNi-BiOTiC®
Probiotici: la salute comincia dall’intestino
OMNi-BiOTiC® 10 AAD
OMNi-BiOTiC® 10 AAD
da € 17,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® 6
OMNi-BiOTiC® 6
da € 14,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® Active
OMNi-BiOTiC® Active
da € 44,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® CAT & DOG
OMNi-BiOTiC® CAT & DOG
da € 32,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® COLONIZE
OMNi-BiOTiC® COLONIZE
da € 44,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® FLORA plus+
OMNi-BiOTiC® FLORA plus+
da € 20,95
al prodotto
OMNi-BiOTiC® HETOX
OMNi-BiOTiC® HETOX
da € 20,95
al prodotto
OMNi-BiOTiC® metabolic
OMNi-BiOTiC® metabolic
da € 44,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® METAtox
OMNi-BiOTiC® METAtox
da € 22,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® PANDA
OMNi-BiOTiC® PANDA
da € 11,95
al prodotto
OMNi-BiOTiC® POWER
OMNi-BiOTiC® POWER
da € 44,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® Pro-Vi 5
OMNi-BiOTiC® Pro-Vi 5
da € 20,95
al prodotto
OMNi-BiOTiC® STRESS con vitamine del gruppo B
OMNi-BiOTiC® STRESS con vitamine del gruppo B
da € 22,50
al prodotto
OMNi-BiOTiC® STRESS Repair
OMNi-BiOTiC® STRESS Repair
da € 11,95
al prodotto
OMNi-BiOTiC® VIAGGI
OMNi-BiOTiC® VIAGGI
da € 23,95
al prodotto